“Safari Njema!” (Buon Viaggio!)

Missioni

Viewing posts from the Missioni category

“Safari Njema!” (Buon Viaggio!)

“Safari Njema!” (Buon Viaggio!)


Tuuru Home for Children fa parte del complesso della Missione di Tuuru accanto al Cottolengo Maternity e Health Centre. Questa struttura di riabilitazione per i bambini con disabilità si trova nel Nord-Est del Kenya, a circa 400 km dalla capitale Nairobi, nella zona delle montagne del Nyambene, a 1800 metri sul livello del mare.

Il Centro ha avuto inizio nel 1965 con i Missionari della Consolata, ospitando bambini e ragazzi poliomielitici. La gestione della Missione passava al Cottolengo nel 1972, continuando così ad aiutare la Comunità locale ad affrontare le sfide della disabilità, della sanità e dell’educazione.

Col tempo, grazie all’azione combinata dei Missionari e del Governo, che hanno favorito l’uso delle vaccinazioni, la poliomielite è stata debellata. Nel frattempo sono aumentate altre forme di disabilità, in particolare le paralisi cerebrali associate a disturbi mentali.

Come risposta a questo bisogno Tuuru Home for Children continua a fornire servizi di riabilitazione per i bambini con disabilità, “home visit” prima dell’ammissione dei bambini al Centro e “follow up” dopo la dimissione.

La Missione di Tuuru si trova in una zona abbastanza isolata, circondata da piccoli villaggi dove le strade sono quasi tutte sterrate e molto pericolose soprattutto durante la stagione delle piogge.

Per poter aiutare meglio i bambini, che provengono da zone difficili da raggiungere con i mezzi pubblici, è necessario conoscere le loro famiglie e la loro storia, perciò diventa estremamente importante poterli incontrare prima dell’ammissione al Centro e seguirli dopo per il reinserimento in famiglia e nella società.

Per questi motivi abbiamo bisogno del Tuo prezioso aiuto per l’acquisto di un mezzo di trasporto idoneo, sicuro e capiente per lo spostamento dei bambini affetti da disabilità e per raggiungere le loro famiglie anche nelle zone più isolate.

Al Cottolengo in ogni bambino affetto da disabilità, sentiamo un grido che chiede inclusione e opportunità.

Sostieni il progetto:

  • 20 €  per l’assicurazione del mezzo di trasporto
  • 50 €  per il costo del carburante
  • 100 € per l’acquisto del mezzo di trasporto
Dona ora

“Orizzonte giovani Africa 2022”

“Orizzonte giovani Africa 2022”


“L’emergenza educativa è sempre una sfida… I missionari e le missionarie cottolenghine hanno preso in carico questa sfida educativa e cercano di aiutare, soprattutto le giovani, ad aprire questo nuovo orizzonte.”

Secondo i dati UNESCO 2019, 52 milioni di ragazze in Africa non frequentavano la scuola, circa un quarto delle ragazze del paese non completa il ciclo scolastico primario. All’interno degli SDGs per il 2030, nell’Obiettivo 5: raggiungere l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione di tutte le donne e ragazze, rientra anche la parità di genere in campo educativo. Le ragazze che non possono andare a scuola restano talvolta vittime della discriminazione di genere e vengono costrette a sposarsi prematuramente e a diventare madri oppure sono vittime di violenza e abusi.

Premessa

La Cottolengo Communities di Nairobi localizzata nella zona di Karen è un Ente morale cattolico amministrato dalla “Kenya Cottolengo Society”. E’ stata ufficialmente eretta Il 15 agosto 1990 per accogliere i membri in formazione delle suore, fratelli e sacerdoti, facilitati così a seguire i corsi formativi offerti dalla chiesa locale e come punto di riferimento per i cottolenghini che arrivano dalle zone più interne della Missione o dall’Italia.

La Delegazione Territoriale, gestita dalle Suore di San Giuseppe Cottolengo ha in carico il Noviziato. La Comunità di Suore si prende cura dell’accompagnamento sia negli studi che nel fondamentale sostegno spirituale delle giovani donne che hanno intenzione di intraprendere un cammino di discernimento vocazionale per entrare nella loro Comunità.

In questo momento ci sono due giovani donne: B. e J., di nazionalità Keniota provenienti da famiglie molto povere e che non possono sostenere i costi delle rette scolastiche, ad essere motivate a intraprendere un percorso di crescita professionale e spirituale. Questo duplice traguardo cambierebbe in modo radicale il loro futuro e offrirebbe la possibilità di affrancarsi dalla povertà in cui sono nate.

Oltre al pagamento delle rette scolastiche e dei materiali didattici, le due studentesse necessitano di un trasporto sicuro a scuola e a casa, anche a causa dei pericoli in cui potrebbero incorrere nelle strade delle baraccopoli della zona, dove il tasso di criminalità è molto alto e a scapito principalmente delle donne.

Fai un gesto semplice, regala loro un sogno.

Sostieni il progetto:

  • 10 € per il trasporto a scuola/casa
  • 20 € per i materiali didattici
  • 50 € costo mensile della retta scolastica per 1 provanda
  • 100 € sostieni i costi mensili delle rette scolastiche di entrambe le provande
Dona ora

“Una Lavatrice per la Fundación Cottolengo”

“Una Lavatrice per la Fundación Cottolengo”

Il “Centro Especializado de Cuidados Paliativos para Adultos” Fundación Cottolengo, confidando nella Provvidenza e nell’azione caritativa locale e internazionale, è l’unico in Ecuador a prendersi cura dei pazienti terminali con cure palliative, accoglie pazienti oncologici e non oncologici, superando ogni forma di isolamento e abbandono delle persone povere e sole.

La Fundación offre assistenza medica con grande professionalità e umanità, assistenza infermieristica 24 ore su 24, prendendosi cura delle persone che si trovano in situazione di bisogno, garantendo loro la cura integrale e un sostegno ai familiari, senza distinzione di classe sociale, religione, etnia e origine, secondo gli insegnamenti del Santo Fondatore Giuseppe Benedetto Cottolengo.

Attualmente disponiamo di 98 posti letti di degenza e questo comporta un lavaggio giornaliero di lenzuola e asciugamani molto ingente. Al momento disponiamo di tre lavatrici domestiche, due asciugatrici che funzionano a GPL e che necessitano di continue manutenzioni. Abbiamo pertanto bisogno di acquistare una lavatrice industriale, con una capacità di 60 kg.


L’obiettivo specifico è di migliorare i processi della lavanderia: ridurre i tempi del lavaggio, aumentare la capacità di asciugatura e ottimizzare le risorse.

Anche un piccolo aiuto è importante.

Sostieni il progetto:

  • 10 € per i materiali (igienizzanti, detersivi, etc.)
  • 30 € per i costi del personale
  • 50 € per l’acquisto della lavatrice industriale

Lo scrigno delle perle

Lo scrigno delle perle


Presso la missione di Chaaria fin dal 1984 vengono accolte persone con disabilità mentali e fisiche molto diverse, sia per natura sia per gravità. Attualmente sono accolti 51 uomini, con un’età compresa fra i 20 e i 65 anni che, oltre all’assistenza residenziale, sono coinvolti in diverse attività occupazionali, hanno accesso ai servizi di fisioterapia dedicata, vivono diversi momenti di svago e ricevono una catechesi speciale, in linea con il Carisma Cottolenghino. Il centro si avvale del servizio di Suore e Fratelli Cottolenghini, dipendenti e volontari.

La maggioranza delle persone che vengono ospitate all’interno del Centro non ha famiglia o proviene da una situazione di povertà estrema che non permette ai familiari di prendersi cura di loro. Il Centro di Chaaria è uno dei pochissimi in Kenya ad accogliere persone con disabilità in modo residenziale e permanente.

Il progetto

“Lo scrigno delle perle” è un richiamo alla spiritualità di San Giuseppe Cottolengo, che chiamava “perle” le persone con disabilità intellettive e fisiche che entravano alla Piccola Casa, aiutando gli altri a comprendere quanto siano preziose ai suoi occhi queste persone.

L’obiettivo è quello di finanziare un anno di attività occupazionali del Centro, in modo da favorire le abilità di manualità e stimolare le capacità intellettive, grazie all’assemblaggio di rosari, collanine, braccialetti e bigiotteria varia. Un’attività apparente semplice, ma che richiede impegno, pazienza e precisione.

Gli aiuti da parte dello Stato sono ancora molto scarsi e sicuramente insufficienti a rispondere ai molti bisogni di queste persone.

Sostieni il progetto

Dona per sostenere le attività occupazionali (assemblaggio di rosari, collanine, braccialetti e bigiotteria varia) del Centro per persone con disabilità di Chaaria. Un’attività apparente semplice, ma che richiede impegno, pazienza e precisione.

  • Sostieni il laboratorio per 1 mese: 250 €
  • Sostieni le attività per 6 mesi: 1500 €
  • Sostieni il costo per 1 anno: 3000 €
Dona ora

2 stampelle, sorrisi moltiplicati

2 Stampelle…

Sorrisi moltiplicati


Il progetto intende sostenere i bambini più bisognosi con gli ausili necessari per rendere la loro vita più autosufficiente. «Due stampelle» indica la risposta al bisogno di ogni bambino che si rivolge o risiede al Centro: «sorrisi moltiplicati» dice la condivisione a sostegno dei bambini e del Centro con ogni donazione possibile.

Il progetto ha la finalità di sostenere i costi di produzione dei dispositivi necessari, che vengono prodotti in loco, per una vita normale di ogni bambino con disabilità. Alcuni dei dispositivi necessari sono:

  1. Acquisto di materiali per la produzione delle scarpe ortopediche (Pelletteria, gomma, resina, plastica, cuoio o tanti altri materiali, filo resistente ecc.)
  2. Acquisto di materiali per la produzione delle stampelle.
  3. Acquisto di pezzi specifici per la costruzione di sedie speciali
  4. Acquisto di macchine e kit per la lavorazione della pelle, macchina per cucire le scarpe e per unire la fodera, tomaia e guardolo con il fondo ecc.

Beneficiari e il target

I beneficiari diretti sono i bambini ospitati al centro per un percorso di riabilitazione. Attualmente sono 85. Inoltre, ogni anno abbiamo richiesta di più di 180 persone con disabilità che richiedono un intervento ai loro ausili ortopedici.

Il contesto

Tuuru Disabled Children’s Home fa parte del complesso della Missione di Tuuru, accanto al Cottolengo Maternity and Health Centre. Questa struttura di riabilitazione per bambini con disabilità si trova nel nord-est del Kenya, a circa 400 km dalla capitale Nairobi, nella zona delle montagne di Nyambene, a 1800 metri sul livello del mare. Il Centro, fondato da un missionario Consolatino, P. Franco Soldati, ha inizio nel 1965, ospitando bambini e ragazzi poliomielitici. La gestione della Missione è passata al Cottolengo nel 1972, continuando così ad aiutare la comunità locale ad affrontare le sfide della disabilità, della sanità e dell’istruzione.

Secondo gli ultimi dati disponibili, risalenti al 2019, circa il 14% della popolazione della contea di Meru vive con una disabilità fisica e un crescente 3% con disturbi mentali. Come risposta a questo bisogno, il Tuuru Centre continua a fornire servizi di riabilitazione per i bambini con disabilità.

Le statistiche attuali

Il Centro risponde al fabbisogno della popolazione della contea di Meru e delle contee limitrofe con servizi di cura, riabilitazione e educazione dei bambini, che dal 2000 sono per lo più bambini con difficoltà sia a livello fisico che psichico.

Accanto al centro di riabilitazione, c’è un laboratorio ortopedico che completa il percorso di riabilitazione dei bambini offrendo diversi ausili secondo il bisogno di ciascuno. Nel 2020, ad esempio, il centro ha prestato il suo prezioso servizio a 83 bambini di cui circa 50 bisognosi di ausili medici come scarpe ortopediche, plantari, stampelle, dispositivi correttivi, protesi e sedie speciali, tutti realizzati nel laboratorio ortopedico.

Attualmente opera un team di 4 operatori specializzati nella fabbricazione di questi ausili medicali.


Cosa puoi fare?

con una donazione di:

  • 10 euro contribuisci alla fabbricazione di un paio di calipers corti o un paio di splints notturni per ginocchia vare o valghe.
  • 15 euro contribuisci alla fabbricazione di un paio di stampelle con appoggi antibrachiali, o una realizzazione di scarpe predisposte per i plantari
  • 20 euro contribuisci alla fabbricazione di un paio di stampelle con appoggi ascellari, o alla lavorazione di un paio di calipers lunghi
  • 25 euro contribuisci alla lavorazione di un paio di scarpe ortopediche, o fabbricazione di un girello,
  • 40 euro contribuisci alla fabbricazione di un girello con appoggi ascellari, uno stand in ferro o uno stand in legno.
  • 100 euro contribuisci alla fabbricazione di un paio di calipers snodati o due sedie special
Dona ora Scarica il progetto

Next Step

Next Step


Dal 1993 presso il Cottolengo Center di Nairobi è operativo un Centro Residenziale per bambini siero-positivi (HIV+), spesso orfani di entrambi i genitori. Essi vengono presi in carico in tenera età, curati per le patologie ereditate, e assistiti nella loro crescita fino alla maggiore età.

La sfida che il Centro si trova a dover affrontare, essendo ormai un certo numero di questi ragazzi vicini o già arrivati alla maturità, è quella di accompagnarli nel decisivo passo del pieno inserimento nella società civile, dotandoli di tutti gli strumenti culturali, professionali ed economici per poter acquisire una completa autonomia e stabilità.

Il progetto “Next Step” si propone appunto questo obiettivo: mediante piani operativi personalizzati, accompagnare questi giovani al “prossimo passo” della loro crescita umana, verso una piena autonomia, in modo che siano in grado di intraprendere il cammino della loro vita adulta in sicurezza e con successo.

Strategie operative

Il progetto“Next Step prevede, una volta terminata la permanenza di 14 ragazzi e 9 ragazze all’interno del Centro, la loro graduale integrazione sociale ed economica, in modo che possano raggiungere una piena autonomia e stabilità di vita, riuscendo così ad affermarsi, con le loro risorse e possibilità, nella società. Oltre alla fornitura degli strumenti materiali ed economici, il progetto prevede (e questo è un punto di forza indispensabile per la riuscita) l’accompagnamento da parte di una equipe di professionisti: Psicologo, Assistente Sociale, Educatore.

Scarica la brochure

I Beneficiari

I beneficiari di questo progetto triennale sono 23 ragazzi, orfani di entrambi i genitori, vittime del HIV-AIDS in Kenya che,fin dalla loro infanzia, sono stati accolti all’interno del Cottolengo Center. La maggior parte di loro è stato accolta quando avevano meno di un anno ricevendo cura e amore, venendo accompagnati nella loro crescita da personale Religioso e Laico.

Si tratta comunque di persone rimaste per la maggior parte della loro vita all’interno del Centro; non abituati ad affrontare la realtà che caratterizza la Città di Nairobi, una metropoli dalle molte sfaccettature, dove sono presenti ricchezza e povertà estrema. Ilprogetto prevede un accompagnamento, da un lato, continuando a seguire questi giovani”a distanza” e, dall’altro, rendendo gli stessi giovani attori del loro progresso, cosicché negli anni successivi possano essere di esempio e stimolo per i loro compagni più giovani che verranno a trovarsi nelle stesse situazioni.

Le azioni del “Next Step”

Le principali attività proposte per raggiungere l’obiettivo generale sono orientate all’individuazione e all’implementazione di percorsi di crescita personale ed economica, diversificate in base alle caratteristiche di ogni giovane. Per raggiungere questo obiettivo, si prevedono:

  1. percorsi di supporto morale e psicologico per promuovere la crescita personale e il raggiungimento della presa di coscienza o consapevolizzazione del percorso della propria vita;
  2. sostegno al completamento degli studi o all’avvio di Corsi Professionali;
  3. supporto per una soluzione abitativa autonoma;
  4. sostegno alla realizzazione di un piano imprenditoriale per i ragazzi, che avranno un’idea chiara dell’attività che vorrebbero intraprendere, in modo che possano raggiungere la sicurezza economica.

Sostieni il progetto

Per sostenere il progetto, ogni ragazzo/a necessita ogni mese di 330,00 € fra corsi professionalizzanti, documentazioni e equipe di professionisti di supporto.

  • 10 € Contribuisci alle spese necessarie per aprire un’attività;
  • 30€ Contribuisci alla formazione dei ragazzi tramite un corso professionalizzante;
  • 50€ Adotta una delle attività, aiutando a garantire una piena autonomia e stabilità di vita ai nostri ragazzi.
Dona ora Scarica la brochure


Foto realizzate prima dell’emergenza Covid-19

Mary Joice Home

Mary Joice Home

Per l’arredamento interno e l’acquisto di giochi e materiale didattico per un Micronido a Thamara Parambu, in India


Mary Joice Home si trova a Thamara Parambu, stato del Kerala, nel sud-ovest della penisola indiana, ed ègestita dalle Suore Cottolenghine. La Casa apparteneva al Sig. Thomas Karikkassery e a sua moglie Stella che hanno deciso di donarla alle SuoreCottolenghine del luogo, perchépotessero utilizzarla nell’ambito del loro servizio rivolto ai più poveri e ai bisognosi.

Desideriamo ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla ristrutturazione della Casa dopo l’alluvione del 2019, ora possiamo ripartire.

Purtroppo la Pandemia ha fermato i lavori per la tinteggiatura interna ma non ha fermato il desiderio di poter andare incontro alle necessità delle famiglie in difficoltà della popolosa area di Cochin.

La Casa che aveva ospitato, per alcuni anni, persone anziane, ora rivolgerà il suo servizio ai più piccoli (bambini da 2 a 4 anni) permettendo alle famiglie di poter portare avanti le loro attività con tranquillità sapendo che i bambini possono trovare un ambiente sereno dove imparare a socializzare, giocare condividendo spazi e giochi, sviluppando la propria individualità nel rispetto di quella altrui.

 

Sostieni:

10 € l’acquisto di giochi per la ludoteca;

20 € per il materiale didattico: quaderni, fogli, cancelleria, etc.;

30 € per l’acquisto di tavoli, sedie, armadi, per l’arredamento degli spazi.

Dona ora Scarica il progetto

CottAction

CottAction

Insieme contro la povertà in Tanzania

Premessa

Con il progetto CottAction si intende attuare interventi finalizzati ad arginare l’emergenza alimentare e la malnutrizione nei villaggi rurali: Vigama, Kifuru, Visegese, Masaki, Mhaga e Kisanga, nel Distretto di Kisarawe in Tanzania.

Molti contadini infatti, a causa sia dei mutamenti climatici: siccità, inondazioni o delle calamità naturali come l’invasione delle locuste, non riescono più a sopravvivere grazie alloro raccolto e sono costretti a trasferirsi in città in cerca di nuove opportunità.

La scarsa disponibilità e varietà di cibo, unite al mancato apporto calorico e vitaminico degli alimenti, sta incidendo su milioni di bambini che manifestano oltre a malnutrizione anche la presenza di una malattia causata dalla mancanza di vitamine D: il rachitismo.

Obiettivi

L’iniziativa intende garantire e supportare la scelta di colture più adatte, offrendo un’opportunità nuova ai contadini e alle loro famiglieper auto-sostenersi.

Le azioni messe in atto sono su due fronti:

  • la distribuzione capillare di pacchi alimentari
  • le iniziative di sostegno alle persone anziane e famiglie povere.

Beneficiari

Tra il 2015 e il 2017 grazie alla collaborazione dell’Associazione Luisa Monti Onlus,il CottAction ha raggiunto 40 famiglie all’anno nel villaggio di Visegese, a 13 km dalla città di Kisarawe, con pacchi di cibo e medicine per i più bisognosi.

Quest’anno CottAction ha sinora potuto sostenere 138 famiglie in 7 villaggi: Kisarawe, Mhaga, Masaki, Visegese, Kifuru, Vigama e Kisanga. Nel 2021 l’obiettivo è quello di incrementare il numero di famiglie beneficiarie ed estendere l’azione ad altri villaggi.

Azioni

Le attività progettuali legate a CottAction sono:

  1. Individuazione delle famiglie povere e più bisognose al fine dell’inserimento tra i beneficiari del progetto.
  2. Acquisto di alimenti secchi: riso, mais, fagioli, sale, sacchi vuoti, ecc. per la preparazione di pacchi di cibo.
  3. Composizione dei pacchi viveri in collaborazione con “Marafiki wa Mt. J. Cottolengo” (Amici del Cottolengo).
  4. Identificazione delle sementi adeguate per la stagione delle piogge con l’aiuto di esperti agronomi locali.
  5. Distribuzione di pacchi alimentari e sementi nei villaggi, con un furgone dedicato e con il coinvolgendo di volontari “Amici del Cottolengo” che saranno coinvolti direttamente nella distribuzione.

Sostienici con:

50 € Sostieni 2 nuclei familiari più piccoli per 1 mese;

30 € Sostieni per 1 mese 1 nucleo familiare attraverso il pacco viveri che comprende: cereali secchi, farina di mais o riso, olio, fagioli, etc.;

10 € Sostieni i costi del carburante e della manutenzione del veicolo per raggiungere le famiglie più lontane e isolate.

Dona ora Scarica il progetto

Un medico per la Fundación Cottolengo

Un medico per la Fundación Cottolengo

L’Ecuador è uno degli stati meno estesi dell’America del Sud; è un paese plurietnico e multiculturale nel quale gran parte della popolazione vive in condizioni di povertà. Manta è una città dell’Ecuador di 226.477 abitanti situata nella Provincia di Manabí, capoluogo dell’omonimo cantone, dove si svolge il progetto, in particolare nei Barrios: Ab Don Calderon, Santa Marta, Los Geranios, Los Jardines dove le suore prestano la loro attività dal 2000. Nei barrios periferici poveri dal 2000 operano nelle attività di carità le suore del Cottolengo di Torino.

Nel barrio “Los Geranios” è presente la Fundación Cottolengo, situata a 6 km dal barrio Santa Marta, dove si trova la comunità delle suore.

La struttura sanitaria “Fundación Cottolengo” si sostiene grazie alla Provvidenza e all’azione caritativa locale e internazionale, la struttura è l’unica in Ecuador ad occuparsi di malati terminali sotto forma di hospice per patologie neoplastiche e AIDS, superando ogni forma di discriminazione, isolamento e abbandono dei poveri. Gli ospiti attuali sono 90 con diverse patologie: neurologiche, Alzheimer, AIDS, neoplastiche, post ricovero, lungodegenza. Pertanto è necessaria la presenza continua di un medico, tenendo in considerazione la serietà delle patologie che ognuno dei nostri pazienti presenta.

Il progetto consiste nella possibilità di sostenere la presenza di un ulteriore medico nella struttura, per garantire la continutà dell’assistenza nell’arco delle 24 ore.

Dona ora

Scarica il progetto Read the project

Cottolengo Children’s Care

Cottolengo Children’s Care


La “Cottolengo Communities” di Nairobi è localizzata nel quartiere di Karen. È stata ufficialmente eretta il 15 agosto del 1990 per accogliere i membri in formazione delle suore, fratelli e sacerdoti. Di fronte al dilagare dell’HIV/AIDS, che aveva determinato in tutta la nazione uno stato di emergenza per l’aumento di bambini orfani, la famiglia cottolenghina nel 1994 risponde con il “Cottolengo Center”, una struttura specializzata per i bambini orfani e affetti dal virus, dove operano religiosi, personale laico e numerosi volontari.

Attualmente sono presenti nella struttura 86 bambini, di cui 39 in età scolare e 47 dai 5 ai 18 anni. I bimbi, per la loro particolare situazione di fragilità,frequentano all’interno del Centro la scuola dell’infanzia e si sta cercando di attivare anche la scuola primaria, proprio per andare incontro alle necessità di attenzione fisica. La possibilità di frequentare la scuola secondaria e le superiori è legata al pagamento della retta trimestrale. Per questo vi chiediamo un aiuto sia per le necessità dell’infanzia sia per le rette scolastiche.


Contribuisci con:

  • 10 € per i materiali didattici
  • 20 € per le medicine
  • 30 € per i costi dei pannolini per i bambini affetti da patologie gravi
Dona ora

Scarica il progetto Read the project

Apri la chat
1
Contattaci ora
Ciao 👋

Scrivici in chat per qualsiasi informazione!