Ospedale Cottolengo – Emergenza Covid-19
07 Apr 2020

Ospedale Cottolengo – Emergenza Covid-19

07 Apr 2020

Ospedale Cottolengo – Emergenza Covid-19


 

All’interno dell’Ospedale Cottolengo di Torino è stato dedicato un nuovo reparto Covid–19 con 63 posti letto: «Non dobbiamo però dimenticarci di tutti gli altri ammalati. L’attuale emergenza sta facendo mobilitare molte risorse, ma gli anziani con patologie degenerative e i malati oncologici stanno pagando un prezzo molto alto. Noi, ad esempio, ci stiamo sforzando di mantenere aperta l’oncologia chirurgica, perché ci sono situazioni che non possono essere procrastinate. Ma quando a livello nazionale verranno ripartite le risorse si rischia che a farne le spese siano le persone più fragili o quelle considerate con meno speranza di vita» spiega Padre Carmine Arice.

Anche alla Piccola Casa l’emergenza viene vissuta con tutte le sue complicazioni: è difficilissimo reperire i dispositivi individuali di protezione (mascherine, camici, tute monouso) e anche il personale scarseggia, a fronte dell’aumento delle necessità.

Da Avvenire sabato 4 aprile 2020. Leggi l’articolo di Danilo Poggio.

Chiediamo il Vostro Aiuto in questo momento di difficoltà per continuare ad affrontare l’emergenza con la stessa attenzione e cura che da sempre viene riservata ai nostri pazienti ed operatori.

 

Dona su PayPal




 

Avviamento dell’Attivazione di altri posti letto per la Terapia Semintensiva a sostegno dell’Emergenza Coronavirus

NATI PER ASSISTERE TUTTI – Aiuta il Cottolengo nella lotta al Coronavirus


L’assistenza e la cura degli ammalati fu la prima attività caritativa realizzata da San Giuseppe Cottolengo. Dal 1833 ad oggi la nostra missione non è cambiata, in questo momento storico più che mai i malati che giungono all’Ospedale Cottolengo sono l’occasione per offrire tutto ciò per cui siamo nati.
Con l’attuale pandemia siamo pronti a nuove sfide per dire sempre SI al bisogno primario dell’essere umano LA SALUTE. Ma abbiamo bisogno di ognuno di VOI: questo virus ha dimostrato che da SOLI non si va da nessuna parte.

Con l’attuale pandemia siamo pronti a nuove sfide per dire sempre SI al bisogno primario dell’essere umano LA SALUTE. Ma abbiamo bisogno di ognuno di VOI: questo virus ha dimostrato che da SOLI non si va da nessuna parte.
Per questo motivo oggi chiediamo il VOSTRO PREZIOSO CONTRIBUTO…per supportare economicamente: *l’attivazione di preziosi posti letto di terapia sub intensiva* fondamentali in questo momento.
Sono 4 posti letto di sub-intensiva oltre ad un letto di terapia intensiva di supporto che hanno ricevuto parere favorevole dall’Unità di Crisi. Questi posti letto si aggiungono agli interi reparti riconvertiti per ospitare pazienti affetti da COVID-19 o con sintomatologia sospetta.
Al Cottolengo non pensiamo solo al trattamento dei malati di COVID, *pensiamo anche di rivolgere la nostra attenzione al territorio:
per fare ciò stiamo attrezzando il nostro Laboratorio Analisi, già accreditato con il Sistema Sanitario Nazionale, a effettuare l’analisi dei tamponi per la ricerca di COVID-19, sia all’interno della nostra struttura
sia a domicilio e presso le RSA.
La nostra missione è essere vicino a tutte le persone che necessitano di cure assicurando ai nostri professionisti un ambiente di lavoro ottimale con i dispositivi di protezione, le apparecchiature biomedicali e i
dispositivi medici salva vita.
Siamo un Presidio Sanitario e offriamo i nostri servizi come se fossimo una struttura pubblica. Abbiamo bisogno di ogni prezioso aiuto per garantire, come fatto fino ad oggi, un servizio ottimale con il materiale e le apparecchiature fondamentali.
Cosa puoi fare per aiutare l’Ospedale Cottolengo a fronteggiare l’emergenza coronavirus? Una donazione liberale, fiscalmente deducibile a:

PICCOLA CASA DELLA DIVINA PROVVIDENZA
via Cottolengo 14, Torino
IBAN – IT47Z0200801140000003345915
Causale – Ospedale Cottolengo – Emergenza Covid-19

Benefici fiscali
Il decreto Cura Italia ha introdotto la possibilità di usufruire di una detrazione fiscale per quanto riguarda le donazioni in denaro o in natura effettuate nei confronti dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro. La detrazione è riconosciuta per un importo del 30% del valore donato fino ad un massimo di 30.000 euro.

 

Scarica il resoconto pubblicato sulla rivista Incontri
Leave a comment
More Posts
Comments