5 per mille

Sostieni il Cottolengo con il 5×1000

 

 

Inviatemi un promemoria

 

Il tuo 5 per mille al servizio dei poveri e degli ultimi

Grazie al 5 per mille, misura fiscale simile all’8 per mille, si può devolvere parte del proprio IRPEF al Cottolengo e alle sue attività a favore dei poveri e degli emarginati. La Piccola Casa della Divina Provvidenza offre assistenza ad anziani, a persone con disabiità, a malati, offre educazione a bambini, moti dei quali poveri e/o disabili, e questi servizi sono offerti gratis  o a prezzi molto bassi alle persone bisognose. Nella sua mensa di Torino (altre sono attive in alcune succursali) offre ogni giorno alle persone indigenti 300 pasti completi, in totale gratuità. L’obiettivo principale del Cottolengo è mantenere, e se possibile migliorare, i servizi offerti a favore dei poveri. Questo comporta per il Cottolengo farsi carico di costi molto elevati che da sempre sono stati coperti dalla Divina Provvidenza, la quale si serve delle liberalità dei donatori. Donando il 5 per mille è possibile aiutare la Piccola Casa della Divina Provvidenza a mantenere e potenziare il suo impegno verso i più bisognosi.

Scarica il 730 precompilato

Come puoi donare il 5 per mille

Presentando il modello 730 o Unico:

1) Compila la scheda sul modello 730 o Unico;
firma nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato”

2) Indica nel riquadro il codice fiscale della Piccola Casa della Divina Provvidenza:
01538340017

Anche se non devi presentare la dichiarazione dei redditi puoi devolvere al Cottolengo il tuo 5X1000:

1) Compila la scheda fornita insieme al CUD dal tuo datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione, firmando nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato” e indicando il codice fiscale 01538340017, oppure scarica qui il PDF compilato e
2) Inserisci la scheda in una busta chiusa

3) Scrivi sulla busta “DESTINAZIONE CINQUE PER MILLE IRPEF” e indica il tuo cognome, nome e codice fiscale.

4) Consegnala a un ufficio postale (che la riceverà gratuitamente) o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti).

5x1000_facsimile